Indice articoli

Situazione fenologica

Maturazione dei frutti (BBCH 85 - 89).


Situazione fitosanitaria

Tignoletta della vite (Lobesia botrana); tignoletta rigata (Cryptoblabes gnidiella); cocciniglia (Planococcus ficus) .

 


 Programma di difesa

 

Per quanto riguarda la TIGNOLETTA (Lobesia botrana) si registrano pochissime catture. Lo stesso dicasi per la TIGNOLETTA RIGATA (Cryptoblabes gnidiella). Nei vigneti, dove lo scorso anno si sono verificati attacchi di COCCINIGLIA (Planococcus ficus), prestare attenzione alla risalita delle neanidi ‘nascoste’ sotto la corteccia dei ceppi, verso i tralci verdi e nei pressi dei grappoli. Intervenire localmente solo sui ceppi infestati e, in caso di attacchi generalizzati, su tutta la superficie vitata. Per le uve a maturazione medio-tardiva, laddove presente la MUFFA GRIGIA, trattare con prodotti registrati sulla coltura. Segnare i ceppi colpiti dal MAL DELL’ESCA per poi potarli separatamente o divellerli.

 


Note tecniche

 Tecnica applicativa dei trattamenti e dei nuovi impianti.

 L’efficacia di un trattamento antiparassitario dipende essenzialmente dalla tecnica applicativa che vuole :

- conoscenza approfondita dei parassiti da contenere per colpirli nel momento più propizio e quando si interferisce il meno possibile sull’antagonismo naturale ;

- massima efficienza delle attrezzature per gli interventi ;

- preparazione della coltura in modo da poter facilmente colpire il parassita ;

- nei casi dubbi, chiedere l’ausilio di tecnici specialisti esperti per evitare di eseguire interventi di incerto esito.