Situazione fenologica

Sviluppo frutti  (BBCH 74).

 


Situazione fitosanitaria

Cocciniglie, afidi, minatrice serpentina, Aleurothrixus floccosus (in zone localizzate).

 


Programma di difesa 

Negli agrumeti dove è presente il COTONELLO (PLANOCOCCUS CITRI), intervenire chimicamente al raggiungimento della soglia del 5 % di frutti infestati, con uno o più individui vivi non parassitizzati/frutto, con olio minerale bianco attivato, ove previsto, con acetamiprid, buprofezin o spirotetramat. Osservare le trappole per il monitoraggio dei voli della COCCINIGLIA ROSSA FORTE DEGLI AGRUMI (AONIDIELLA AURANTII). Per l’intervento insetticida tenere presente che si interviene dopo 2-4 settimane dal picco delle catture oppure al superamento del 10% dei frutti infestati ad agosto e 20 % a settembre, con uno o più individui vivi non parassitizzati/frutto. Intervenire con olio minerale, clorpyrifos, clorpyrifos metile (non ammessi su arancio e limone), fosmet, pyriproxifen, spirotetramat, buprofezin o acetamiprid. Contro la MINATRICE SERPENTINA intervenire esclusivamente su piante giovani in accrescimento (fino a 4 anni di età) e, sui reinnesti, al raggiungimento del 30% di germogli infestati, trattare cercando di bagnare la nuova vegetazione utilizzando prodotti registrati sulla coltura e contro la malattia da contenere, alternandone l’uso. Contro la MOSCA BIANCA FIOCCOSA (ALEUROTHRIXUS FLOCCOSUS) intervenire al superamento della seguente soglia:30 neanidi di I e II età/foglia, campionando 8 foglie/pianta sul 5% delle piante, utilizzando olio minerale bianco, acetamiprid, imidacloprid, buprofezin o spirotetramat.

 


Note tecniche

Tecnica applicativa dei trattamenti e dei nuovi impianti.

L’efficacia di un trattamento antiparassitario dipende essenzialmente dalla tecnica applicativa che vuole :

- conoscenza approfondita dei parassiti da contenere per colpirli nel momento più propizio e quando si interferisce il meno possibile sull’antagonismo naturale ;

- massima efficienza delle attrezzature per gli interventi ;

- preparazione della coltura in modo da poter facilmente colpire il parassita ;

- nei casi dubbi, chiedere l’ausilio di tecnici specialisti esperti per evitare di eseguire interventi di incerto esito.